Cerca un Servizio

Green Pass: cosa cambia con il nuovo Decreto e Come richiederlo

di Francesca Columbu - 23/07/2021

Green pass

In risposta alla risalita dei contagi delle ultime settimane per la diffusione della variante Delta, il Consiglio dei Ministri ha approvato il 22 luglio il nuovo Decreto Covid, che entrerà in vigore dal 6 agosto. Le direttive sono state comunicate in conferenza stampa dal premier Mario Draghi, insieme al ministro della Salute Roberto Speranza, i quali hanno caldamente invitato la popolazione alla vaccinazione.

Il tema centrale del Decreto è quello del Green Pass, ovvero il Certificato verde Vaccinale (chiamato anche Passaporto vaccinale), che tra due settimane diventa obbligatorio in diversi luoghi di ritrovo e a determinate condizioni.

Cos'è il Green Pass e chi può ottenerlo

Il Green Pass è un certificato in formato digitale e stampabile, emesso dalla piattaforma nazionale del Ministero della Salute, al cui interno è contenuto un QR Code che permette di verificare la sua autenticità e validità.

Può essere scaricato principalmente da tre categorie di persone:

- chi ha avuto almeno una dose di vaccino da 15 giorni (e sara valido per 9 mesi dalla data del richiamo)

- chi ha fatto un tampone con esito negativo nelle 48 ore precedenti

- chi è guarito dal Covid nei 6 mesi precedenti

Il Certificato non è richiesto ai bambini al di sotto dei 12 anni.

Inoltre, per chi ha il Green pass ci sarà anche una riduzione della quarantena di 14 giorni nei casi di contatti con un positivo, sebbene non sia ancora chiaro di quanto sarà ridotta.

Quando è necessario il Green Pass

Innanzitutto va ricordato che dal 1° luglio il Certificato Verde è valido come EU digital COVID certificate e permette di viaggiare più liberamente da e per tutti i Paesi dell'Unione europea e dell’area Schengen (anche se le condizioni possono cambiare da Paese a Paese).

Con il Decreto appena approvato, viene esteso l'utilizzo del Passaporto Vaccinale. In particolare dal 6 agosto sarà richiesto:

- nei bar e ristoranti al chiuso (in questo caso non è necessario all'aperto e nemmeno per consumare al bancone)

- nei luoghi affollati come gli stadi e i concerti, anche all'aperto

nei cinema, teatri musei

- nelle palestre, centri termali, parchi tematici e di divertimento, piscine, sport di squadra (negli impianti sportivi all'aperto è ammessa una capienza massima del 50%)

- per partecipare alle feste dopo una cerimonia religiosa o civile

- per l'accesso a fiere, congressi concorsi

- nei centri culturali, centri sociali e ricreativi

- nelle sale gioco, sale bingo e sale scommesse, casinò

- per accedere alle RSA per far visita ai familiari

Restano chiuse invece le discoteche.

Per quanto riguarda i trasporti, al momento è rimandata l'obbligatorietà per i mezzi di trasporto a lunga percorrenza come treni, navi e aerei, così come per autobus e metropolitane. Rimandato anche il discorso relativo alle scuole e i luoghi di lavoro, per i quali la valutazione verrà fatta più avanti in base all'andamento della curva epidemiologica.

Come richiedere il Green Pass

Sono diverse le piattaforme attraverso le quali è possibile scaricare il passaporto vaccinale. Ti segnaliamo le principali:

- Sito del Ministero della Salute: dopo essersi collegati al sito www.dgc.gov.it attraverso l'identità digitale (SPID - CIE) o la Tessera Sanitaria, è sufficiente inserire il codice e la certificazione sarà immediatamente disponibile

- Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE): in questo caso le modalità di accesso possono cambiare in base alla propria Regione o Provincia autonoma ma di base è necessario avere lo SPID

- App IO: una volta installata l'app e aver effettuato l'autenticazione attraverso SPID o CIE, ti sarà notificato l’invio del Certificato verde

 

Vuoi ottenere lo SPID comodamente da casa?

Su Patronato lo attivi in pochi secondi

tramite Video Riconoscimento

RICHIEDI LO SPID ONLINE

Green Pass: cosa cambia con il nuovo Decreto e Come richiederlo


Articoli Correlati





PATRONATO.COM

CONSULENZE, PRATICHE E SERVIZI ONLINE PER I CITTADINI

aicpa
anagrafe nazionale delle ricerche
ISO 9001-2015
ISO 27001
Tupls
Tupls