Cerca un Servizio

Calendario INPS Giugno 2021: le date aggiornate sui pagamenti

di Francesca Columbu - 01/06/2021

Calendario INPS Giugno

Siamo arrivati al mese di giugno e, come di consueto, vogliamo fare un riepilogo dei pagamenti previsti da parte dell’INPS.

Sono diverse le misure economiche da prendere in considerazione. In questo articolo partiremo dalle pensioni per arrivare ai principali provvedimenti messi in campo dal Governo, inclusi quelli del neo Decreto Sostegni Bis.

Pensioni anticipate

Oggi, 1° Giugno, è l’ultimo giorno prefissato per il pagamento delle pensioni presso gli sportelli postali. Già da diversi mesi questi pagamenti avvengono in anticipo rispetto a quanto si era soliti fare prima della pandemia, perché si vogliono evitare possibili assembramenti.

Vediamo quindi il calendario completo relativo alle pensioni di giugno, organizzato in ordine alfabetico:

  • Cognomi A-B, mercoledì 26 maggio
  • Cognomi C-D, giovedì 27 maggio
  • Cognomi E-K, venerdì 28 maggio
  • Cognomi L–O, sabato 29 maggio (mattina)
  • Cognomi P-R, lunedì 31 maggio
  • Cognomi S-Z, martedì 1° giugno

Per quanto riguarda il mese di luglio, sappiamo già che le pensioni verranno erogate dal 25 giugno ma al momento non abbiamo il calendario aggiornato.

Reddito di Cittadinanza

Sono sempre due le date da tenere a mente per il Reddito o la Pensione di Cittadinanza.

La prima è quella del 15 del mese, giorno in cui i neobeneficiari sono chiamati a ritirare la carta nella quale troveranno accreditata la prima mensilità. La seconda data è quella del 27 giugno, quando viene destinata una nuova mensilità a coloro che già usufruivano dell’indennizzo anche nei mesi precedenti.

Piccola nota: dato che il 27 è domenica, è possibile che in questo mese si verifichi un ritardo nel pagamento.

Ti segnaliamo che su Patronato.com puoi richiedere il Reddito di Cittadinanza Online in pochi minuti. In particolare, hai la possibilità di scegliere se fare un'unica domanda per l’ottenimento dell'ISEE aggiornato e la richiesta del RDC oppure, se già in possesso di un ISEE aggiornato, procedere con la richiesta del solo Reddito di cittadinanza. Trovi tutti i dettagli nei link qui sotto:

Richiedi Reddito di Cittadinanza con ISEE

Richiedi solamente il Reddito di Cittadinanza

Naspi

La Naspi - o indennità mensile di disoccupazione, destinata ai subordinati che hanno perso involontariamente il lavoro - viene erogata a partire dal 10 giugno.

La data è solamente indicativa, perché il pagamento effettivo viene effettuato sempre in base al giorno in cui è stata presentata la domanda. Se invece si è interessati a conoscere con esattezza il giorno in cui verrà accreditato l'importo, ricordiamo che è possibile controllare lo stato personale dei pagamenti sul portale Online dell’INPS, nella sezione "Prestazioni e servizi – Fascicolo previdenziale".

Per accedere bisogna essere in possesso delle credenziali SPID, CIE o CNS. Non hai ancora lo SPID? Richiedilo Online su Patronato.com. Puoi farlo comodamente da casa grazie al Video Riconoscimento. Per tutti i dettagli clicca qui.

Bonus Bebè

Tra il 10 e il 18 giugno è il turno dei pagamenti del Bonus bebè, ovvero la misura economica pensata per tutti i bambini fino al 1° anno di età, anche nel caso in cui si tratti di un minore in adozione o in affidamento preadottivo.

Come per la NASPI, anche questa volta parliamo di date orientative, infatti il giorno del pagamento può cambiare a seconda del singolo caso. Ti invitiamo ancora una volta ad informarti accedendo al Fascicolo Previdenziale sul sito dell’INPS. 

Reddito di Emergenza

Il Decreto Sostegni aveva previsto il prolungamento del Reddito di Emergenza, per i nuclei familiari in difficoltà a causa della crisi economica legata al Covid, e ora è tempo di pagamenti. Infatti, chi ha regolarmente compilato la richiesta entro i termini della scadenza, riceverà a partire dal 15 giugno il REM relativo ai mesi di marzo, aprile e maggio. L’importo va da un minimo di 400 euro a un massimo di 840 euro.

Questa sarebbe la seconda mensilità per chi ha presentato la domanda entro il 31 maggio, mentre la prima rata era stata accreditata il mese scorso.

Non è tutto: è importante precisare che con il Decreto Sostegni Bis il REM è stato ulteriormente prorogato per 4 mensilità (giugno, luglio, agosto e settembre.). La scadenza per le domande è fissata per il 31 luglio 2021 e l'indennizzo sarà riconosciuto ai nuclei familiari che rispettino una serie di requisiti, come la residenza in Italia al momento della domanda e un reddito familiare inferiore alla soglia pari all’ammontare del beneficio del reddito stesso.

Devi richiedere il REM? Su Patronato.com puoi farlo Online in pochi minuti: trovi qui tutte le informazioni per procedere.

Indennità Covid19 (Bonus 2400 euro)

Una delle misure del Decreto Sostegni (e confermata anche dal decreto Sostegni Bis) è quella dell'Indennità Covid19 (o Bonus 2400 euro), rivolta ad alcune categorie di lavoratori particolarmente colpiti dalla crisi economica, come gli stagionali, gli intermittenti e chi lavora nello spettacolo.

Alla gran parte dei beneficiari è già stato accreditato l’importo per i mesi di marzo, aprile e maggio; chi invece ha presentato la domanda nei giorni prossimi alla scadenza, dovrebbe ricevere il bonus ai primi di giugno.

La buona notizia è che con il nuovo Decreto è prevista l’attivazione di questo bonus anche per i mesi di giugno e luglio, anche se in questo caso il totale è di 1.600 euro (800 mensili). Va specificato che chi ha già usufruito dell'indennizzo nei mesi scorsi non deve presentare nuovamente la domanda e il pagamento avverrà dopo il 15 giugno 2021.

Chi invece non ha mai fatto richiesta, potrà farlo non appena la procedura sarà resa disponibile.

Ti segnaliamo che presto potrai richiedere il Bonus 1.600 Euro anche sul sito di Patronato; ti invitiamo quindi a tenere sotto controllo questa pagina, nella quale trovi anche tutti i dettagli su chi ha diritto alla misura economica in questione.

Bonus Irpef

A partire dal 23 giugno è prevista l’erogazione dei 100 euro mensili del Bonus Irpef (ex Bonus Renzi). Questo indennizzo è rivolto a lavoratori dipendenti e assimilati - sia privati che pubblici e con reddito inferiore ai 28 mila euro all’anno - e verrà accreditato direttamente in busta paga o sul conto corrente dei beneficiari.



Articoli Correlati




PATRONATO.COM

CONSULENZE, PRATICHE E SERVIZI ONLINE PER I CITTADINI

aicpa
anagrafe nazionale delle ricerche
ISO 9001-2015
ISO 27001
Tupls
Tupls