Cerca un Servizio

Reddito di Emergenza: si può fare richiesta fino al 31 luglio. Tutti i dettagli della misura fiscale

di Francesca Columbu - 20/07/2020

Reddito di Emergenza

È stata prolungata sino al 31 luglio 2020 la data di scadenza per la richiesta del Reddito di Emergenza (REM), la misura straordinaria istituita dal decreto-legge 19 maggio 2020 (il cosiddetto decreto Rilancio), che ha come fine quello di offrire un supporto ai nuclei familiari in difficoltà economica a causa dell’epidemia di Coronavirus.

Chi ha diritto al Reddito di Emergenza?

Il Reddito di emergenza 2020 è destinato ai lavoratori che non hanno usufruito degli ammortizzatori sociali e bonus previsti dal Governo in relazione all’emergenza Covid-19. Tra questi:

  • i cittadini i cui ammortizzatori sociali sono in scadenza e non sono rinnovabili (come la Naspi, la Dis-coll)
  • i lavoratori precari
  • i lavoratori a chiamata
  • i lavoratori stagionali, come bagnini, camerieri, animatori turistici
  • i cosiddetti "fast job": contrattisti a giorni, settimane o qualche mese
  • colf e badanti
  • i lavoratori irregolari

Quali requisiti bisogna soddisfare per poter beneficiare del Reddito di Emergenza?

Il Reddito di emergenza è rivolto a tutti i nuclei familiari che rispondono ai seguenti requisiti:

  • residenza in Italia del richiedente
  • Isee inferiore a 15 mila euro
  • importo del reddito familiare, per il mese di aprile 2020, inferiore all’importo mensile previsto per il REM
  • patrimonio mobiliare familiare nell’anno 2019 inferiore a 10 mila euro, ma può arrivare a 5 mila euro per ogni componente successivo al primo (sino ad un massimo di 20 mila euro). Questo massimale sale a 5 mila euro nel caso in cui nel nucleo familiare vi sia un componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza.

Qual è l’importo erogato?

Il Reddito di Emergenza può essere corrisposto solamente per due mensilità. L’importo base mensile è di 400 Euro; tale cifra può essere moltiplicata sulla base della scala di equivalenza - che cambia a seconda della composizione del nucleo familiare - fino a un massimo di 2, e quindi fino a un totale di 800 euro.

Nello specifico, il valore della scala di equivalenza pari a 1 per il primo componente del nucleo familiare e aumenta di 0,4 per ogni altro componente che abbia più di 18 anni e di 0,2 per ogni ulteriore componente minorenne. Se, ad esempio, un nucleo familiare è composto da due adulti e un minorenne, l'importo sarà pari a 1,6 (1+0,4+0,2).

Attenzione: se nel nucleo familiare dovesse esserci un componente con condizioni di disabilità grave o non autosufficiente, il tetto massimo sale alla cifra di 2,1 nella scala di equivalenza, pertanto l’importo corrisposto sarà di 840 euro.

Come fare domanda per il Reddito di Emergenza?

Il REM può essere richiesto esclusivamente in via telematica, tramite il sito web dell’Inps. Viene data la possibilità, in alternativa, di rivolgersi a Patronati e CAF che offrono supporto gratuito ai cittadini per richiedere il bonus, sempre attraverso il modulo online disponibile sul portale dell’Inps.

Per poter fare domanda, sarà quindi necessario accedere al sito e autenticarsi utilizzando una delle seguenti credenziali:

  • Pin Inps
  • SPID di livello 2 o superiore (se non hai lo SPID, puoi ottenerlo cliccando qui)
  • Carta di identità elettronica
  • CNS (Carta Nazionale dei Servizi)

Chi non ha diritto al Reddito di Emergenza

Abbiamo visto chi può richiedere il REM, ma allo stesso tempo è importante segnalare quali sono invece i nuclei familiari che non hanno diritto a questa agevolazione fiscale. In particolare, ad essere esclusi dal bonus sono tutte le persone che:

  • hanno percepito o percepiranno il bonus da 600 euro per gli autonomi
  • hanno all’interno del proprio nucleo familiare un titolare di pensione (fatta eccezione per l'assegno di invalidità);
  • sono titolari di un rapporto di lavoro dipendente con retribuzione superiore alle soglie previste dal sussidio;
  • percepiscono il reddito di cittadinanza
  • si trovano in stato detentivo

PATRONATO.COM

CONSULENZE, PRATICHE E SERVIZI ONLINE PER I CITTADINI

aicpa
anagrafe nazionale delle ricerche
ISO 9001-2015
ISO 27001
Tupls